Codice a sostituzione: Il codice di Cesare

Il famoso codice di Cesare è un classico esempio di codice a sostituzione mediante trasposizione di lettera: ciascuna lettera viene sostituita con quella ottenuta spostandola di un certo numero di posti (circolarmente) nella sequenza alfabetica. In origine il fattore di trasposizione era 3, ma una forma generalizzata può prevedere un fattore compreso tra 1 e 25 (per il moderno alfabeto di 26 lettere).

Per il codice di Cesare di fattore 3 la codifica è quella di tab. 3.
 
codice di cesare
 
La frase dell'esempio precedente verrebbe codificata:
 
vienisubito
YLHQLVXELWR

 

Risorse per sviluppo: 

Ti potrebbero anche interessare:

Crittografia moderna e avvento dei computer

 

La nascita della moderna informatica ha fatto fare un salto di qualità anche al settore crittografico: in particolare è stato possibile studiare nuove metodologie di trasformazione crittografica non più legate ai simboli del testo da trasmettere, ma riferentesi direttamente alla loro codifica binaria.
Risorse per sviluppo: 

Storia della crittografia: Primo cifrario e cifrario di trasposizione

 

La più antica forma conosciuta di crittografia è la scitala lacedemonica, data da Plutarco come in uso dai tempi di Licurgo (IX sec a.C.) ma più sicuramente usata ai tempi di Lisandro (verso il 400 a.C.). Consisteva in un bastone su cui si avvolgeva ad elica un nastro di cuoio; sul nastro si scriveva per colonne parallele all'asse del bastone, lettera per lettera, il testo da rendere segreto.
Risorse per sviluppo: