La differenza tra il pulsante Condivisione, Share, e il +1 su Google+

differenza condivisione e +1 su google+Google  ha rilasciato solo in un secondo momento il pulsante “Share” per dare una demarcazione netta tra la Condivisione dei post su Google+ e il suo “Mi Piace” sotto forma di pulsante +1. In origine infatti la condivisione era inglobata nel +1: l’utente che apprezzava il contenuto poteva esprimere la sua preferenza tramite questo pulsante e poi anche condividerlo. Cerchiamo quindi di capire la reale differenza tra il pulsante di Condivisione e quello +1 in quanto, all’occhio di molti, visto come un inutile doppione.

Il colosso di Mountan VIew a dire il vero ha operato questa scelta in maniera non di certo casuale. Il pulsante +1 sta ad indicare una preferenza, un vero e proprio apprezzamento da parte dell’utente. La condivisione invece non sta ad indicare questa preferenza.

[adsense:block:adcontenuto]

Facciamo subito un esempio:

un articolo che discute di un argomento che non condividiamo affatto, un post ad esempio che divulga un pensiero politico diverso dal nostro punto di vista o che elogia un personaggio che riteniamo poco meritevole di quest’attenzione.

Sarebbe sciocco dargli una preferenza perché in realtà a noi non piace affatto.

Tuttavia potremmo volerlo condividere per portarlo all’attenzione dei nostri amici e per cominciare a discuterne o farne critiche. Questo è il vero senso della differenziazione.

L’utente può infatti scegliere di condividere un post ma senza per questo esprimere una sua preferenza a riguardo; oppure può dire “Si, questo contenuto mi piace, lo ritengo utile” e poi eventualmente farlo conoscere anche ai suoi amici su google+ attraverso la condivisione successiva.

Altro effetto del +1 che assume importanza in ottica di differenziazione rispetto allo “Share” è che, con la funzione “Search, plus Your World” attiva, esso va a mutare ed influenzare la serp di un utente a differenza della condivisione che lascia le cose come sono.

Senza il pulsante di Share, l’unica strada percorribile per condividere senza apprezzare era quella di incollare l’url direttamente in google+.  Ma l’utente, per pigrizia o mancanza di tempo, spesso tralasciava questa ipotesi e pertanto non condivideva affatto il post oppure lo apprezzava giusto per poi condividerlo.

Con il  pulsante di Condivisione distinto dal +1, tutto questo non può più accadere ed ora ogni utente è libero di condividere senza per questo dare un voto di preferenza.

[adsense:block:adcontenuto]

 

Social Media Business: 

Ti potrebbero anche interessare:

Aggiungere Google +1 per Drupal

AVVISO: QUESTA GUIDA E' STATA SCRITTA PRIMA DELL'AVVENTO DEL SOCIAL NETWORK GOOGLE+, PERTANTO ESISTONO PIU' COMPLETE SOLUZIONI DI INTERAZIONE E CONDIVISIONE SOCIALE
 
Come ormai è noto, i recenti cambiamenti di Google hanno messo in evidenza il controverso servizio Google +1, rappresentato da un pulsantino accanto ai risultati delle nostre ricerche: secondo le dichiarazioni rilasciate dal colosso, il servizio avrebbe la finalità di indicare i contenuti più interessanti per gli utenti. In tal modo, qualsiasi pagina web, prodotto o servizio potrà essere raccolto in una collezione personale di pagine utili da condividere anche con il proprio network di contatti e amici.
Blog: 

Drupal FCKeditor Toolbar: Personalizzazione barra degli strumenti

FCKeditor ci permette di personalizzare le barre degli strumenti a seconda delle proprie esigenze o in base alle scelte di assegnazione delle barre ai vari profili utente.
Per personalizzare le barre degli strumenti, bisogna editare il file fckeditor.config.js che si trova nella cartella fckeditor.
É possibile aggiungere o togliere bottoni a secondo delle necessità.
Personalizziamo ad esempio la barra "DrupalBasic".

La normativa italiana sulla firma digitale

 

L’Italia è stato uno dei primi paesi a dotarsi di un complesso normativo per la regolamentazione della firma digitale, prima ancora che si sviluppasse il commercio elettronico, col fine principale di semplificare le procedure burocratiche nei rapporti con la pubblica amministrazione e nella contrattistica.
Risorse per sviluppo: