Principi della programmazione orientata agli oggetti in Java (OOP)

 

La OOP è una evoluzione naturale dei linguaggi di programmazione: essa nasce con lo scopo preciso di simulare e modellare la realtà.
 
[adsense:block:adcontenuto]
 
I princìpi su cui si basa la OOP sono semplici ma molto potenti:
  •  Definire nuovi tipi di dati.
  •  Incapsulare i valori e le operazioni.
  •  Riusare il codice esistente (ereditarietà).
  •  Fornire il polimorfismo.
Come vedremo, nella OOP non si fa differenza fra valori ed operazioni: semplicemente si parla di Tipo di dato che ingloba le due entità in un’unica struttura.
Quindi è necessario definire un nuovo Tipo di dato. È altrettanto necessario accedere ad un valore di un tipo di dato: come vedremo questo è fattibile tramite il meccanismo di incapsulamento.
 
Un altro cardine della OOP è il riuso del codice: cioé utilizzare del codice esistente per poterlo specializzare.Il polimorfismo si rende necessario, come vedremo, in una gerarchia di ereditarietà.

 

Risorse per sviluppo: 

Ti potrebbero anche interessare:

Il Cifrario di Vernam e l’importanza della chiave

Come brevemente accennato sopra, un cifrario si basa su due presupposti: un algoritmo che definisce le regole per l’operazione di cifratura e per quella di decifratura, e una chiave che rende il risultato dell’applicazione dell’algoritmo parametricamente dipendente dalla chiave stessa. Ad esempio, nel codice di Cesare l’algoritmo è la regola di trasposizione letterale e la chiave è il fattore di trasposizione (1..25).

Risorse per sviluppo: 

SET (Secure Electronic Transaction) e forme di pagamento

Formalizzato nel 1997, il protocollo SET è dovuto alla collaborazione di varie aziende del settore (Microsoft, IBM, Netscape, RSA, GTE, VISA, Mastercard, e altre) con l’obiettivo di rendere sicuri al massimo i pagamenti in rete con carte di credito.

Risorse per sviluppo: