Principi della programmazione orientata agli oggetti in Java (OOP)

 

La OOP è una evoluzione naturale dei linguaggi di programmazione: essa nasce con lo scopo preciso di simulare e modellare la realtà.
 
[adsense:block:adcontenuto]
 
I princìpi su cui si basa la OOP sono semplici ma molto potenti:
  •  Definire nuovi tipi di dati.
  •  Incapsulare i valori e le operazioni.
  •  Riusare il codice esistente (ereditarietà).
  •  Fornire il polimorfismo.
Come vedremo, nella OOP non si fa differenza fra valori ed operazioni: semplicemente si parla di Tipo di dato che ingloba le due entità in un’unica struttura.
Quindi è necessario definire un nuovo Tipo di dato. È altrettanto necessario accedere ad un valore di un tipo di dato: come vedremo questo è fattibile tramite il meccanismo di incapsulamento.
 
Un altro cardine della OOP è il riuso del codice: cioé utilizzare del codice esistente per poterlo specializzare.Il polimorfismo si rende necessario, come vedremo, in una gerarchia di ereditarietà.

 

Risorse per sviluppo: 

Ti potrebbero anche interessare:

Crittografia moderna e avvento dei computer

 

La nascita della moderna informatica ha fatto fare un salto di qualità anche al settore crittografico: in particolare è stato possibile studiare nuove metodologie di trasformazione crittografica non più legate ai simboli del testo da trasmettere, ma riferentesi direttamente alla loro codifica binaria.
Risorse per sviluppo: 

Storia della crittografia: Primo cifrario e cifrario di trasposizione

 

La più antica forma conosciuta di crittografia è la scitala lacedemonica, data da Plutarco come in uso dai tempi di Licurgo (IX sec a.C.) ma più sicuramente usata ai tempi di Lisandro (verso il 400 a.C.). Consisteva in un bastone su cui si avvolgeva ad elica un nastro di cuoio; sul nastro si scriveva per colonne parallele all'asse del bastone, lettera per lettera, il testo da rendere segreto.
Risorse per sviluppo: