Principi della programmazione orientata agli oggetti in Java (OOP)

 

La OOP è una evoluzione naturale dei linguaggi di programmazione: essa nasce con lo scopo preciso di simulare e modellare la realtà.
 
[adsense:block:adcontenuto]
 
I princìpi su cui si basa la OOP sono semplici ma molto potenti:
  •  Definire nuovi tipi di dati.
  •  Incapsulare i valori e le operazioni.
  •  Riusare il codice esistente (ereditarietà).
  •  Fornire il polimorfismo.
Come vedremo, nella OOP non si fa differenza fra valori ed operazioni: semplicemente si parla di Tipo di dato che ingloba le due entità in un’unica struttura.
Quindi è necessario definire un nuovo Tipo di dato. È altrettanto necessario accedere ad un valore di un tipo di dato: come vedremo questo è fattibile tramite il meccanismo di incapsulamento.
 
Un altro cardine della OOP è il riuso del codice: cioé utilizzare del codice esistente per poterlo specializzare.Il polimorfismo si rende necessario, come vedremo, in una gerarchia di ereditarietà.

 

Risorse per sviluppo: 

Ti potrebbero anche interessare:

L’algoritmo DES (Data Encryption Standard) e altri algoritmi a chiave simmetrica

Si tratta di un algoritmo a chiave simmetrica proposto da IBM nel 1975 e accettato come standard nel 1977 e da allora, e fino a tempi recenti, è stato utilizzato dagli enti governativi americani (e da altri) per cifrare dati sensibili.

Risorse per sviluppo: 

Codice Poligrafico: La Scacchiera di Polibio

Il più antico codice poligrafico (sostituzione di tipo multiplo) è probabilmente la scacchiera di Polibio. Lo storico greco Polibio (~200-118AC), nelle sue Storie (Libro X) descrive un cifrario che attribuisce ai suoi contemporanei Cleoxeno e Democleito: l'idea è quella di cifrare una lettera con una coppia di numeri compresi tra 1 e 5, secondo la descrizione di una scacchiera 5x5.

Risorse per sviluppo: 

Nuovo Algoritmo di Google che vede oggetti nei video e nelle immagini

Google si fa gli occhi.

Si chiama Automatic Large Scale Video Object Recognition (Riconoscimento automatico su larga scala di oggetti video) il nuovissimo algoritmo gia brevettato da Google che avrebbe l'incredibile capacità di poter leggere direttamente nei video e nelle immagini.

Blog: