La normativa italiana sulla firma digitale

 

L’Italia è stato uno dei primi paesi a dotarsi di un complesso normativo per la regolamentazione della firma digitale, prima ancora che si sviluppasse il commercio elettronico, col fine principale di semplificare le procedure burocratiche nei rapporti con la pubblica amministrazione e nella contrattistica.
 
[adsense:block:adcontenuto]
 
Le norme principali sono:
 
· Legge 15/3/1997 n.59 (“Bassanini”)
dà validità agli atti su supporto elettronico
· DPR 10/11/1997
dà attuazione pratica alla legge 15/3/97 stabilendo in particolare il ruolo e la validità a fini legali della firma digitale
· Circolare AIPA 24/7/1998
contiene regole tecniche per la validità degli atti su supporto ottico
· DPCM 8/2/1999
contiene, nel suo allegato tecnico, le specifiche più importanti per la certificazione e la validazione temporale (algoritmi di generazione delle firme, tipologia delle chiavi, certificati, funzione delle AC, dispositivi di firma, criteri per la sicurezza, validazione temporale)
· Circolare AIPA 26/7/1999
contiene requisiti degli aspiranti certificatori
 
[adsense:block:adcontenuto]
 
Purtroppo in questa occasione il legislatore italiano ha preceduto quello europeo impostando la normativa con tutta una serie di precauzioni, adeguate probabilmente all’obiettivo di sostituire a tutti gli effetti atti cartacei con analoghi su supporto elettronico, ma secondo una impostazione eccessivamente restrittiva nell’ambito del commercio elettronico.
 
Inoltre la normativa europea di riferimento, cioè la direttiva n. 99/93/CE, è alquanto diversa da quella italiana: per esempio, parla di firma elettronica e firma elettronica avanzata, la prima non generata con un sistema di ‘firma sicura’ (si pensi alla semplice sottoscrizione di un email) per la quale ogni legislazione nazionale può stabilire, caso per caso, il grado di validità in caso di controversia o giudizio; la seconda invece è più simile alla nostra firma digitale e viene assimilata alla firma autografa.
 
Un’altra differenza riguarda i certificati, che per la direttiva europea sono pure di due tipi, ‘semplici’ e ‘qualificati’, questi secondi dotati di particolari caratteristiche e certificati da entità dotate di particolari requisiti. Ma questi requisiti sono di gran lunga meno restrittivi di quelli fissati dalla normativa italiana, che per i certificatori vuole società per azioni i cui amministratori devono avere un’onorabilità paragonabile a quella richiesta ai dirigenti bancari.
 
Queste disuniformità dovranno essere in qualche modo sanate entro il 2001 e possono essere attualmente causa di freno nell’ampia adozione di queste metodiche e nel loro effettivo valore legale in Italia.

 

Risorse per sviluppo: 

Ti potrebbero anche interessare:

Drupal Fusion theme core e Acquia Slate Theme

 Inserire la banner image nella regione preface del Drupal Theme Acquia Slate a volte può dare problemi o disorientare l'utente più inesperto. Ecco tutti i passi per configurare il tema in m0do che visualizzi l'immagine di vostro gradimento oppure aggiungere altre immagini selezionabili nello skinr.

Drupal Seo: Configurazione e personalizzazione di Page Title

Il Page Title è un modulo utilissimo per l'ottimizzazione sui motori di ricerca (SEO). Permette un controllo totale sull'impostazione dei titoli dei contenuti configurando patterns specifici per ognuno di essi insieme a numerose caratteristiche che potete leggere direttamente nella descrizione del modulo.
Drupal: 

Come guadagnare in 14 giorni con gli infoprodotti

Se tra i modelli di business che hai scelto preferisci l'email marketing per la vendita di infoprodotti, allora devi subito sapere che non si fanno tanti soldi con un solo infoprodotto: è irrilevante il prezzo a cui lo vendi e il pubblico a cui lo proponi.

Internet Marketing: 

L’algoritmo RSA e altri algoritmi

 

Il più conosciuto e utilizzato algoritmo a chiavi asimmetriche è stato proposto da Rivest, Shamir e Andleman nel 1978 e porta come nome la sigla dei cognomi dei suoi inventori. L’algoritmo sfrutta l’approccio di Diffie/Hellman e si basa sulla fattorizzazione di numeri interi grandi.
Risorse per sviluppo: 

Crittografia dal XIX secolo: La Macchina Enigma

Dalla metà del XIX secolo l'uso della crittografia assume un ruolo determinante nella trasmissione di messaggi di carattere logistico e strategico. Con l'invenzione della radio i messaggi sono trasmessi anche via etere e quindi esposti molto più di prima all'intercettazione da parte del nemico; il ricorso alla crittografia diventa inevitabile, come la necessità di cifrari sempre più sofisticati.

Risorse per sviluppo: