Integrità e autenticazione

 

Quando un mittente X fa pervenire al destinatario Y sia il messaggio che la firma digitale (il tutto inviato in chiaro oppure cifrato), il destinatario Y può verificare l’integrità dell’invio.
 
Infatti Y può decifrare l’impronta I del messaggio M applicando la chiave pubblica di X (Kxp), ricalcolare l’impronta dal messaggio con lo stesso algoritmo applicato dal mittente (I*), e confrontare impronta ricalcolata (I*) e impronta ricevuta decifrata (I) per verificare che siano eguali (fig. 3). In caso affermativo, Y è praticamente certo che il messaggio pervenuto è nella sua forma originale: infatti in caso di corruzione del messaggio (per intrusione o per errore del canale di comunicazione) le due impronte (I e I*) sono quasi certamente diverse, grazie alle proprietà della funzione hash.
Sistema di integrità e autenticazione
 
Inoltre, se Y è sicuro che la chiave pubblica Kxp ‘appartiene’ a X (cioè X è il depositario della corrispondente chiave privata Kxs), allora l’eguaglianza delle due impronte garantisce anche che quel messaggio è stato spedito da X in quanto l’ha certamente sottoscritto con la sua chiave privata.
 
Assunto che la chiave privata venga gelosamente conservata dal legittimo possessore, che per altro può in ogni momento sostituirla, assieme a quella pubblica, con una nuova coppia di chiavi pubblica/privata, revocando la precedente chiave pubblica, rimangono aperte le questioni relative alla fidatezza delle chiavi pubbliche e al non ripudio, che vengono affrontate mediante l’istituzione delle autorità di certificazione.

 

Risorse per sviluppo: 

Ti potrebbero anche interessare:

SET (Secure Electronic Transaction) e forme di pagamento

Formalizzato nel 1997, il protocollo SET è dovuto alla collaborazione di varie aziende del settore (Microsoft, IBM, Netscape, RSA, GTE, VISA, Mastercard, e altre) con l’obiettivo di rendere sicuri al massimo i pagamenti in rete con carte di credito.

Risorse per sviluppo: 

Direct Marketing ed Email Marketing: Differenza e confronto

I pionieri del direct marketing (DM) Bob Stone, Martin Baier e Henry J. Hoke Jr parlavano della disciplina del direct marketing come un sistema interattivo di marketing che usa uno o più mezzi pubblicitari per scaturire una risposta misurabile e quantificabile e una transazione in qualsiasi luogo, con in più la possibilità non indifferente che tutta questa attività sia conservata in un apposito archivio (database).

Internet Marketing: 

MANUALE SULLA SICUREZZA INFORMATICA

[toc]

Intro

Questo è un manuale trovato girando per la rete ed è liberamente distribuile a detta dell'autore di cui  trovate tutte le informazioni in fondo al manuale. La formattazione non è ancora sistemata al meglio, ci scusiamo per i  disagi provvederemo al più presto.
 

Là fuori è una giungla

I giornalisti di stampa e TV si buttano a pesce sulle periodiche in­vasioni di virus.

Risorse per sviluppo: