Il Cifrario bifido di Delastelle

Il cifrario bifido di Delastelle è un altro esempio di cifrario poligrafico e, come quello di Polibio, è basato su una matrice 5x5.

Il metodo si articola in 3 passi:
  • 1 Il messaggio in chiaro viene spezzato in blocchi di cinque caratteri ciascuno; se l'ultimo blocco non è esattamente di cinque, gli
  • ultimi posti sono riempiti di X.
  • 2 Ogni lettera del blocco viene cifrata con due cifre e cioè con l'indice di riga e l'indice di colonna, che vengono scritti in verticale.
  • 3 Le cifre vengono ora riscritte in orizzontale, riga dopo riga, ottenendo un messaggio con un numero di cifre doppio dell'originale.
A questo punto ogni coppia di numeri viene ritrasformata in lettera sempre secondo la matrice. Ne risulta il messaggio cifrato da trasmettere.
 
La matrice può essere quella semplice con le lettere dell'alfabeto ordinate (senza la W che può cifrarsi con una doppia V), oppure può essere ottenuta inserendo dapprima una parola chiave, depurata delle eventuali doppie, seguita da tutte le altre lettere dell’alfabeto in ordine.
 
Esempio: parola chiave COMPUTER
 
tabella 4codice cifrato
La decifratura avviene applicando il procedimento inverso con la medesima tabella che, come nei casi simili precedenti, deve quindi essere già nota al destinatario (in pratica, la chiave è proprio la parola chiave).
 
codice cifrato 2

 

Risorse per sviluppo: 

Ti potrebbero anche interessare:

Crittografia moderna e avvento dei computer

 

La nascita della moderna informatica ha fatto fare un salto di qualità anche al settore crittografico: in particolare è stato possibile studiare nuove metodologie di trasformazione crittografica non più legate ai simboli del testo da trasmettere, ma riferentesi direttamente alla loro codifica binaria.
Risorse per sviluppo: 

Storia della crittografia: Primo cifrario e cifrario di trasposizione

 

La più antica forma conosciuta di crittografia è la scitala lacedemonica, data da Plutarco come in uso dai tempi di Licurgo (IX sec a.C.) ma più sicuramente usata ai tempi di Lisandro (verso il 400 a.C.). Consisteva in un bastone su cui si avvolgeva ad elica un nastro di cuoio; sul nastro si scriveva per colonne parallele all'asse del bastone, lettera per lettera, il testo da rendere segreto.
Risorse per sviluppo: