Come capire quale tema e plugin usa un sito Wordpress

come capire quale tema o plugin usa un sito wordpressUno dei tanti interrogativi che spesso mi sono posto quando osservavo un sito sviluppato con Wordpress era capirne il tema usato dal webmaster o i plugin utilizzati per realizzare una data funzionalità. Mentre nei primi tempi andavo a sbirciare il sorgente per estrapolare riferimenti ed indizi per arrivare alla risposta, adesso c’è un modo molto più semplice e veloce.

Se anche voi almeno una volta vi siete chiesti come capire che tema sta utilizzando un sito in Wordpress o i suoi plugin allora troverete questa risorsa molto utile: si chiama What Wordpress Theme is That.

Si tratta di un tool molto facile da usare:

  • accediamo al sito da qui: http://whatwpthemeisthat.com
  • scriviamo nella barra di testo il dominio del sito che vogliamo far analizzare
  • clicchiamo sul pulsante “Check Site”.

What Wordpress Theme is That

In pochi secondi ci verrà mostrata una tabella con tutte le informazioni utili per capire quale tema o plugin quel dato webmaster ha adoperato per il suo bel sito Wordpress.

I risultati infatti ci mostreranno una descrizione e la versione del tema usato nonché il nome e la versione dei plugin presenti.

Può accadere tuttavia che il Webmaster del sito che stiamo spiando abbia modificato in qualche modo il template ed in questo caso lo strumento non riuscità ad estrapolare i dati che ci servono. Tuttavia rimane sempre utilissimo per conoscere i plugin attivi.

Risorse per sviluppo: 

Ti potrebbero anche interessare:

L’algoritmo RSA e altri algoritmi

 

Il più conosciuto e utilizzato algoritmo a chiavi asimmetriche è stato proposto da Rivest, Shamir e Andleman nel 1978 e porta come nome la sigla dei cognomi dei suoi inventori. L’algoritmo sfrutta l’approccio di Diffie/Hellman e si basa sulla fattorizzazione di numeri interi grandi.
Risorse per sviluppo: 

La differenza tra il pulsante Condivisione, Share, e il +1 su Google+

differenza condivisione e +1 su google+Google  ha rilasciato solo in un secondo momento il pulsante “Share” per dare una demarcazione netta tra la Condivisione dei post su Google+ e il suo “Mi Piace” sotto forma di pulsante +1. In origine infatti la condivisione era inglobata nel +1: l’utente che apprezzava il contenuto poteva esprimere la sua preferenza tramite questo pulsante e poi anche condividerlo. Cerchiamo quindi di capire la reale differenza tra il pulsante di Condivisione e quello +1 in quanto, all’occhio di molti, visto come un inutile doppione.

Social Media Business: