Personalizzare la visualizzazione della Tassonomia con il Views: La vista Taxonomy_terms

La visualizzazione della tassonomia può essere modificata in vari modi. Oggi vediamo cosa permette di fare il modulo view ed andremo a creare un esempio di visualizzazione della tassonomia.
 
Nel views è gia presente la vista "taxonomy_term" che serve al nostro scopo; andiamo a configurarla:
 
1) Abilitare taxonomy_term e cliccare su Modifica;
2) Selezionare il tab [[Page]] (sotto al tab Default) nella colonna di sinistra;
3) In Basic settings impostare lo stile desiderato ed abilitare Ajax;
4) In Page settings inserire come path il nome che si vuole es. miavista
5) In Arguments selezionare Taxonomy: Term ID (with depth) e cambiare solo i seguenti parametri lasciando inalterati tutti gli altri:
- Action to take if argument is not present > Provide default argument
- Default argument type > Fixed entry
- Default argument > ID del termine (il paramentro che passa l'argomento alla vista)
- Validator > Taxonomy term
- Vocabularies > selezionare il checkbox relativo al vocabolario/i dal quale si intende estrarre i campi (Fields) voluti
- Depth > -10
- Spuntare "Allow multiple terms per argument" e "Set the breadcrumb for the term parents";
6) In Field inserire Node: Title
 
Siamo ormai alla fine. Clicchiamo su "Update default Display" e salvare: la vista "taxonomy_term" è pronta all'uso!
Se necessario la si può clonare e chiamare ad es. mio_taxonomy_term in modo da mantenere inalterata quella di default.
Il risultato è una pagina con url http://www.miosito.com/miavista con (in questo caso) l'elenco dei titoli dei nodi presenti nella categoria.
Ognuno può personalizzare la vista secondo i propri gusti e le proprie esigenze anche inserendo la view in un [[Panel]].
 
.
Drupal: 

Ti potrebbero anche interessare:

Crittografia moderna e avvento dei computer

 

La nascita della moderna informatica ha fatto fare un salto di qualità anche al settore crittografico: in particolare è stato possibile studiare nuove metodologie di trasformazione crittografica non più legate ai simboli del testo da trasmettere, ma riferentesi direttamente alla loro codifica binaria.
Risorse per sviluppo: 

Storia della crittografia: Primo cifrario e cifrario di trasposizione

 

La più antica forma conosciuta di crittografia è la scitala lacedemonica, data da Plutarco come in uso dai tempi di Licurgo (IX sec a.C.) ma più sicuramente usata ai tempi di Lisandro (verso il 400 a.C.). Consisteva in un bastone su cui si avvolgeva ad elica un nastro di cuoio; sul nastro si scriveva per colonne parallele all'asse del bastone, lettera per lettera, il testo da rendere segreto.
Risorse per sviluppo: