Personalizzare la visualizzazione della Tassonomia con il Views: La vista Taxonomy_terms

La visualizzazione della tassonomia può essere modificata in vari modi. Oggi vediamo cosa permette di fare il modulo view ed andremo a creare un esempio di visualizzazione della tassonomia.
 
Nel views è gia presente la vista "taxonomy_term" che serve al nostro scopo; andiamo a configurarla:
 
1) Abilitare taxonomy_term e cliccare su Modifica;
2) Selezionare il tab [[Page]] (sotto al tab Default) nella colonna di sinistra;
3) In Basic settings impostare lo stile desiderato ed abilitare Ajax;
4) In Page settings inserire come path il nome che si vuole es. miavista
5) In Arguments selezionare Taxonomy: Term ID (with depth) e cambiare solo i seguenti parametri lasciando inalterati tutti gli altri:
- Action to take if argument is not present > Provide default argument
- Default argument type > Fixed entry
- Default argument > ID del termine (il paramentro che passa l'argomento alla vista)
- Validator > Taxonomy term
- Vocabularies > selezionare il checkbox relativo al vocabolario/i dal quale si intende estrarre i campi (Fields) voluti
- Depth > -10
- Spuntare "Allow multiple terms per argument" e "Set the breadcrumb for the term parents";
6) In Field inserire Node: Title
 
Siamo ormai alla fine. Clicchiamo su "Update default Display" e salvare: la vista "taxonomy_term" è pronta all'uso!
Se necessario la si può clonare e chiamare ad es. mio_taxonomy_term in modo da mantenere inalterata quella di default.
Il risultato è una pagina con url http://www.miosito.com/miavista con (in questo caso) l'elenco dei titoli dei nodi presenti nella categoria.
Ognuno può personalizzare la vista secondo i propri gusti e le proprie esigenze anche inserendo la view in un [[Panel]].
 
.
Drupal: 

Ti potrebbero anche interessare:

L’algoritmo RSA e altri algoritmi

 

Il più conosciuto e utilizzato algoritmo a chiavi asimmetriche è stato proposto da Rivest, Shamir e Andleman nel 1978 e porta come nome la sigla dei cognomi dei suoi inventori. L’algoritmo sfrutta l’approccio di Diffie/Hellman e si basa sulla fattorizzazione di numeri interi grandi.
Risorse per sviluppo: 

La differenza tra il pulsante Condivisione, Share, e il +1 su Google+

differenza condivisione e +1 su google+Google  ha rilasciato solo in un secondo momento il pulsante “Share” per dare una demarcazione netta tra la Condivisione dei post su Google+ e il suo “Mi Piace” sotto forma di pulsante +1. In origine infatti la condivisione era inglobata nel +1: l’utente che apprezzava il contenuto poteva esprimere la sua preferenza tramite questo pulsante e poi anche condividerlo. Cerchiamo quindi di capire la reale differenza tra il pulsante di Condivisione e quello +1 in quanto, all’occhio di molti, visto come un inutile doppione.

Social Media Business: