Passaggio da Drupal 6 a 7: ecco come fare

Porting di Drupal dalla versione 6.x alla versione 7.x

Non trovando ancora nulla in giro sull'argomento (in particolar modo in lingua italiana) ho ben pensato di pubblicare la procedura per passare da drupal 6 a drupal 7:
  • Mettiamo innanzitutto il sito offline;
  • Per sicurezza è fortemente raccomandato effettuare un backup del database e della cartella del sito prima di procedere agli aggiornamenti qualora possano esserci problemi. (Vedi anche la guida "Esportazione Drupal da locale a remoto" che comprende i passi per effettuare il backup del sito);
  • Cancellare i moduli imagecache e CCk - se presenti - perchè sono stati sostituiti nella versione 7;
  • Aggiornare tutti i moduli presenti con le corrispondenti versioni per la 7.x;
  • Eliminare tutti i moduli per cui non è presente una versione per Drupal 7;
  • Sostituire il core di drupal 6.x con il core di drupal 7.x (è sufficiente sovrascrivere i file);
  • Cambiare i permessi sul file settings.php in modo che sia scrivibile;
  • Lanciare l'update.php;
  • Al termine ripristinare i permessi sul file settings.php;
  • Passare il sito da offline a online;
  • Testare il tutto per verificare la presenza di eventuali errori;
  • Effettuare nuovamente un backup del sito aggiornato;
  • Ora è possibile usare il sito aggiornato alla versione 7!

Suggerimenti e consigli: Conviene passare a Drupal 7?

Allo stato attuale, considerando lo stato ancora embrionale della nuova versione di Drupal e data la scarsa presenza di moduli e di documentazioni sull'argomento, effettuare ora il passaggio vuol dire entrare in una nuova era in cui si può contare sull'aiuto di pochi.
 
Da tali considerazioni ritengo il passaggio sconsigliato per chi si trovi alle prime armi con Drupal o per chi fa un forte uso di moduli. Viceversa, usare la versione 7 può essere sicuramente vincente per chi è un utente esperto, che non si affida a numerosi moduli per sviluppare e che può anche soprassedere alla scarsa presenza di guide e documentazioni.
 
 

Ti potrebbero anche interessare:

Cifrario basato su macchinario e cifrario di Atbash

Il primo esempio di cifratura basata su un ‘macchinario’ si può far risalire ad una testimonianza tra il 360 e il 390 dovuta ad Enea il tattico, generale della lega arcadica, in un trattato di cifre il cui XXI capitolo tratta appunto di messaggi segreti. In questo viene descritto un disco sulla zona esterna del quale erano contenuti 24 fori, ciascuno corrispondente ad una lettera dell'alfabeto.

Risorse per sviluppo: