Drupal Node: Capire il significato del nodo e la sua funzione

Molti utenti che utilizzano drupal come piattaforma di sviluppo fanno confusione sul termine nodo. In questa sezione: significato, funzione e caratteristiche del c.d Drupal node

IL NODO DRUPAL: NOZIONI FONDAMENTALI

TIPI DI CONTENUTO COME NODE IN DRUPAL

Drupal si caratterizza rispetto ad altri cms per la gestione dei contenuti: è si possibile inserire una moltitudine di tipi di contenuto ma la particolarità risiede nel fatto che trovano il loro minimo comune denominatore nell'essere dei nodi.
 

DEFINIZIONE E FUNZIONE DI NODO IN DRUPAL

Il nodo in Drupal, rifacendoci a nozioni di programmazione ad oggetti, può essere definito come l'astrazione del contenuto in quanto tutti i tipi di contenuto vanno ad ereditare le caratteristiche comuni del nodo.
 
Rifacendoci invece ad un linguaggio più comune, un Drupal node è un pezzo di contenuto che in genere corrisponde ad una pagina.
 

CARATTERISTICHE DEL NODO 

Ogni nodo ha diversi attributi come autore, data di creazione, titolo ed un body del tutto opzionale. Inoltre, ogni nodo può essere associato ad una categoria (più precisamente la tassonomia che rappresenta uno dei punti a favore che fanno di Drupal il miglior cms al mondo, può ricevere commenti da parte degli utenti.possono essere associati ad esso degli attachments (allegati) e tenere traccia delle revisioni.
 

DRUPAL NODE: IN SINTESI...

Pertanto Drupal va a considerare in un primo momento il contenuto come un nodo in generale per questioni di semplificazione della sua gestione e poi lo specifica pian piano fino a differenziare vari tipi di contenuto che ripeto, mantengono, come unica caratteristicaa il fatto di essere sempre dei nodi. Esempi di tipi di contenuto sono Page, Story, Book, Forum, Blog, Poll ecc.
Drupal: 

Ti potrebbero anche interessare:

Il Cifrario di Vernam e l’importanza della chiave

Come brevemente accennato sopra, un cifrario si basa su due presupposti: un algoritmo che definisce le regole per l’operazione di cifratura e per quella di decifratura, e una chiave che rende il risultato dell’applicazione dell’algoritmo parametricamente dipendente dalla chiave stessa. Ad esempio, nel codice di Cesare l’algoritmo è la regola di trasposizione letterale e la chiave è il fattore di trasposizione (1..25).

Risorse per sviluppo: 

SET (Secure Electronic Transaction) e forme di pagamento

Formalizzato nel 1997, il protocollo SET è dovuto alla collaborazione di varie aziende del settore (Microsoft, IBM, Netscape, RSA, GTE, VISA, Mastercard, e altre) con l’obiettivo di rendere sicuri al massimo i pagamenti in rete con carte di credito.

Risorse per sviluppo: