Inserire automaticamente banner adsense nel contenuto di un nodo di Drupal

Una delle tecniche più diffuse per la visualizzazione dei banner adsense è quella di inserirli all'interno del contenuto, inframezzando il testo, in modo da facilitare il click.
 
L'operazione regolarmente è manuale, con il copia ed incolla dello script: la cosa è di per se molto scomoda soprattutto quando abbiamo a che fare con siti ccon centinaia o migliaia di articoli. Per venire incontro a questa esigenza e permettere l'inserimento automatico dei banner adsense nel mezzo del contenuto di un nodo o nel teaser, abbiamo un modulo dedicato: Adsense per Drupal
 

Caratteristiche del modulo Adsense di Drupal

Attraverso il modulo Adsense avremo la possibilità di incollare il codice una sola volta ed avere una gestione facilitata ed univoca per tutti i banner presenti sul sito. Vediamo le caratteristiche:
  • Di norma il search di drupal e Adsense per la ricerca sono incompatibili. COn questo modulo sarà possibile l'integrazione e sfruttare adsense per la ricerca attraverso il motore di ricerca di drupal;
  • Non è possibile sforare oltre il limite consentito da Google. Dormiamo sonni tranquilli perchè il modulo non permette la pubblicazione di banner che superano il limite per pagina consentito da Google;
  • I banner adsense possono esser facilmente gestiti e disabilitati/abilitati in base al ruolo utente;
  • L'admin può selezionare il formato degli ads, i canali e i gruppi;
  • In caso di modifica del codice non sarà più necessaria la modifica nodo per nodo. Una sola modifica al codice che riguarderà tutti i banner presenti sul sito.
Drupal: 

Ti potrebbero anche interessare:

Il Cifrario di Vernam e l’importanza della chiave

Come brevemente accennato sopra, un cifrario si basa su due presupposti: un algoritmo che definisce le regole per l’operazione di cifratura e per quella di decifratura, e una chiave che rende il risultato dell’applicazione dell’algoritmo parametricamente dipendente dalla chiave stessa. Ad esempio, nel codice di Cesare l’algoritmo è la regola di trasposizione letterale e la chiave è il fattore di trasposizione (1..25).

Risorse per sviluppo: 

SET (Secure Electronic Transaction) e forme di pagamento

Formalizzato nel 1997, il protocollo SET è dovuto alla collaborazione di varie aziende del settore (Microsoft, IBM, Netscape, RSA, GTE, VISA, Mastercard, e altre) con l’obiettivo di rendere sicuri al massimo i pagamenti in rete con carte di credito.

Risorse per sviluppo: