Formati di input in Drupal: Configurazione

I formati di input in Drupal definiscono un modo di processare il testo generato dall'utente.
Ogni filtro è progettato per compiere un compito preciso, e generalmente rimuove o aggiunge elementi al testo prima che esso venga visualizzato.
Drupal di base offre due formati di input "Filtered Html" e "Full Html" ed è possibile aggiungerne subito un terzo ("PHP code") attivando il modulo del core "PHP filter".
 
In amministra/configurazione del sito/formati di input scegliere quale filtro impostare come predefinito (cioè utilizzabile da tutti gli utenti) e quali filtri assegnare a ruoli specifici.
Per il filtro "Filtered Html" impostare i tag html utilizzabili dal ruolo a cui è stato assegnato il filtro, cliccando su "configura" accanto alla voce "Filtered Html" ed andando nella scheda "configura".
I filtri "Full Html" e "PHP code" non richiedono configurazioni particolari ed è sufficiente assegnarli solo al ruolo/ruoli che potrà utilizzarli (di solito solo al webmaster).
 
A causa della flessibilità del sistema di filtri, sono frequenti situazioni di conflitti tra filtri, o meglio un filtro impedisce ad un altro di compiere il proprio lavoro. Ad esempio: una parola in un URL viene convertita in un termine di glossario, prima che possa essere convertita in un URL cliccabile. Quando succede questo, cliccare "configura" accanto al formato di input interessato e nella scheda "Riorganizza" risistemare l'ordine dei filtri.
Drupal: 

Ti potrebbero anche interessare:

Il Cifrario di Vernam e l’importanza della chiave

Come brevemente accennato sopra, un cifrario si basa su due presupposti: un algoritmo che definisce le regole per l’operazione di cifratura e per quella di decifratura, e una chiave che rende il risultato dell’applicazione dell’algoritmo parametricamente dipendente dalla chiave stessa. Ad esempio, nel codice di Cesare l’algoritmo è la regola di trasposizione letterale e la chiave è il fattore di trasposizione (1..25).

Risorse per sviluppo: 

SET (Secure Electronic Transaction) e forme di pagamento

Formalizzato nel 1997, il protocollo SET è dovuto alla collaborazione di varie aziende del settore (Microsoft, IBM, Netscape, RSA, GTE, VISA, Mastercard, e altre) con l’obiettivo di rendere sicuri al massimo i pagamenti in rete con carte di credito.

Risorse per sviluppo: