Creare un menu (Taxonomy Term e Nice Menu) per il catalogo di Ubercart

Creiamo in maniera veloce un menu personalizzato per la visualizzazione del catalogo di Ubercart intrecciandolo con i moduli Taxonomy Menu e Nice Menu.

I limiti del Catalogo dell'Ubercart

Il modulo catalog presente nel pacchetto base dell'ubercart è utilissimo soprattuto per chi preferisce avere una tassonomia con la visualizzazione delle sotto categorie (oltre dei prodotti) in maniera semplice e veloce.
Tuttavia tale modulo si porta con se numerosi limiti: in questa sede analizzeremo e supereremo il limite del menu che viene generato automaticamente dal modulo Catalog.
 

Menu "Catalogo" personalizzato: Usiamo taxonomy menu e nice menu

Il menu che viene generato dall'ubercart per la visualizzazione del catalogo è in realtà un non-menu e pertanto non può ad esempio essere abbinato a moduli come mega-menu o nice-menu et similari. 
Il problema è risolvibile seguendo questa procedura (Moduli Usati - Ubercart, Taxonomy Menu, Nice Menu):
  1. Installiamo Catalog (compreso in Ubercart), Taxonomy Menu con il sotto modulo gia compreso " Taxonomy Menu Custom Path" e il Nice Menu (o altro modulo che permette di scorrere i menu in stile superfish).
  2. Assegniamo il vocabolario che vogliamo utilizzare al catalogo spuntando la relativa opzione nelle impostazioni catalogo;
  3. Creiamo un menu vuoto che ospiterà i termini della tassonomia;
  4. In "Tassonomia" andiamo a configurare il vocabolaro che farà da catalogo e alla voce "Menu path type" passiamo su "custom path" mentre nel campo sottostante - "Base path for custom path" - scriviamo il path "catalog".
  5. Non ci resta che selezionare anche l'opzione "Display descendants" e andare a configurare il modulo scelto per la visualizzazione del menu (in questo caso in nice menu attribuisco il menu creato al punto 3 - che nel frattempo è stato riempito dal taxonomy term - con lo stile del nice menu).
  6. Nella sezione Blocchi troviamo il nostro menu cataloghizzato che inseriremo in una regione del tema.
Drupal: 

Ti potrebbero anche interessare:

Il Cifrario di Vernam e l’importanza della chiave

Come brevemente accennato sopra, un cifrario si basa su due presupposti: un algoritmo che definisce le regole per l’operazione di cifratura e per quella di decifratura, e una chiave che rende il risultato dell’applicazione dell’algoritmo parametricamente dipendente dalla chiave stessa. Ad esempio, nel codice di Cesare l’algoritmo è la regola di trasposizione letterale e la chiave è il fattore di trasposizione (1..25).

Risorse per sviluppo: 

SET (Secure Electronic Transaction) e forme di pagamento

Formalizzato nel 1997, il protocollo SET è dovuto alla collaborazione di varie aziende del settore (Microsoft, IBM, Netscape, RSA, GTE, VISA, Mastercard, e altre) con l’obiettivo di rendere sicuri al massimo i pagamenti in rete con carte di credito.

Risorse per sviluppo: