Applicazione pratica CCK: Creazione form di inserimento eventi

Per creare un qualsiasi tipo di contenuto personalizzato o form è utile usare il modulo CCK, espandibile con molti altri moduli aggiuntivi.
Mettiamo caso di voler creare un form di inserimento di eventi...
 
I moduli da scaricare potrebbero essere: [[CCK]], [[Date]], [[Email Field]] e [[File Field]].
Attiviamo, quindi, CCK, Email, File Field, Text, Date, Date Api, Date Popup e Date Timezone.
Andiamo in amministra/tipo di contenuto e aggiungiamo un nuovo tipo di contenuto cliccando su "aggiungi tipo di contenuto".
Nel nostro esempio, alla voce "nome" chiameremo il nostro nuovo tipo di contenuto "Eventi" e alla voce "tipo" (cioè la voce riconosciuta per poi costruire l'url) lo chiameremo "eventi".
Nel campo "descrizione" inseriamo una breve descrizione del tipo di contenuto (es. Una lista generica di eventi).
In "impostazioni del form d'invio" possiamo cambiare "etichetta del campo del titolo" che in questo caso chiameremo "nome evento"; "etichetta del campo corpo" che in questo caso chiameremo "descrizione evento" ed inserire una piccola linea guida per gli utenti alla voce "Spiegazioni o linee guida per la pubblicazione".
In "impostazioni del flusso di lavoro" scegliamo se questo contenuto deve essere pubblicato e/o promosso in prima pagina ed altro; quindi salviamo.
In crea contenuto/eventi vediamo il form che abbiamo creato e se vogliamo fare dei cambiamenti o aggiungere campi al form.
In amministra/tipi di contenuto andiamo a cliccare "manage fields" accanto il tipo di contenuto "eventi" ed aggiungiamo dei nuovi campi, ad esempio:
aggiungiamo un campo di tipo testo che chiameremo "località dell'evento", scegliamo le opzioni per questo campo e salviamo;
aggiungiamo un campo di tipo email che chiameremo "contatto email", scegliamo le opzioni per questo campo  e salviamo;
aggiungiamo un campo di tipo date che chiameremo "data evento" + popup calendar e scegliamo le opzioni per questo campo, dove possiamo scegliere anche di attivare la data di durata dell'evento (da....a) e salviamo.
Così abbiamo creato il nostro form di inserimento di eventi, ma CCK ci permette di creare qualsiasi tipo di form usando i dovuti moduli aggiuntivi.

 

Drupal: 

Ti potrebbero anche interessare:

Nuovo Algoritmo di Google che vede oggetti nei video e nelle immagini

Google si fa gli occhi.

Si chiama Automatic Large Scale Video Object Recognition (Riconoscimento automatico su larga scala di oggetti video) il nuovissimo algoritmo gia brevettato da Google che avrebbe l'incredibile capacità di poter leggere direttamente nei video e nelle immagini.

Blog: 

Creare un sito multilingua in Drupal

[toc]

Descrizione

In questa guida viene spiegato come realizzare un [[sito]] sviluppato in Drupal che abbia come target principale utenti che parlano l'italiano, con contenuti tradotti anche in inglese ed in spagnolo.
L'articolo presuppone che abbiate già installato Drupal 6.x, localizzato in lingua italiana.
Il procedimento che seguiremo è il seguente:
  • Installiamo le traduzioni di Drupal
Drupal: 

Formati di input in Drupal: Configurazione

I formati di input in Drupal definiscono un modo di processare il testo generato dall'utente.
Ogni filtro è progettato per compiere un compito preciso, e generalmente rimuove o aggiunge elementi al testo prima che esso venga visualizzato.
Drupal di base offre due formati di input "Filtered Html" e "Full Html" e
Drupal: 

Internet Marketing per principianti: Come muovere i primi passi

Una delle domande più comuni di chi si avvicina per la prima volta all’Internet Marketing è quella di capire come creare passo passo il proprio business online: ci si avvicina incuriositi ma la quantità di informazioni disponibili rischia di generare confusione e sfiducia per chi non ha ancora un sito web, per chi non sa nemmeno cosa sia un dominio o un hosting, per chi non sa nemmeno da dove cominciare per crearsi un articolo, una mailing list, una lettera di vendita e così via.

Internet Marketing: 

Codice a sostituzione: Il codice di Cesare

Il famoso codice di Cesare è un classico esempio di codice a sostituzione mediante trasposizione di lettera: ciascuna lettera viene sostituita con quella ottenuta spostandola di un certo numero di posti (circolarmente) nella sequenza alfabetica. In origine il fattore di trasposizione era 3, ma una forma generalizzata può prevedere un fattore compreso tra 1 e 25 (per il moderno alfabeto di 26 lettere).

Risorse per sviluppo: